CICLOVIA - Jazzo Rosso - San Magno - Castel del Monte
I Tratturi
Per migliaia di anni la Murgia è stata terra di migrazioni, la transumanza conduceva annualmente milioni di pecore dall’Abruzzo in Puglia. L’imperatore Federico II (1196-1266 d.C.) cominciò a regolarizzare questo flusso di greggi. Fu invece il re Alfonso V d’Aragona che nel 1447 istituì la Regia Dogana delle pecore, il cui compito principale era quello di assegnare le “locazioni” e determinare il valore della “fida”, il canone d’affitto annuale per l’uso degli erbaggi da corrispondere per ciascun capo di bestiame. La transumanza necessitava di una rete viaria articolata in larghe vie erbose, in grado di soddisfare le differenti esigenze di movimento, di sosta e di alimentazione delle greggi, queste vie verdi seguivano dei percorsi chiamati Regi Tratturi. La rete si articolava quindi in tratturi larghi 111,60 metri, vere e proprie autostrade, in tratturelli, larghi 32-38 metri, e bracci larghi 12-18 metri, vie secondarie con compiti prevalentemente di raccordo tra le vie principali e il territorio.


Tratturello Regio Canosa-Ruvo (Foto di Mariagiovanna Dell’Aglio)